V    I    G    N    A                                        
concerto + film                                                                                                                              
emanuel dimas de melo pimenta
world première
Free International Forum
Bolognano . Italia
2015 . giugno
 
                                V  I  G  N  A
                                                                                                        concerto + film
                                                                    emanuel dimas de melo pimenta
                                                              prima mondiale
Free International Forum
Bolognano. Italy
                                        June 2015

to Marco Bagnoli

foto / photo : Emanuel Dimas de Melo Pimenta . VIGNA . 2015

In the first days of January 2015 I sent an email to Marco Bagnoli. I did not know where he was on the planet. As always, Marco quickly replied: he was in the desert of the ancient Persia!
His message "from the yellow Persian desert" carried a mysterious photo of a vineyard. Like a caption it was a phrase: "'Persian vineyard resting on otself'. Cultivated like ours in Bolognano. That's fine, but do you compose music for vineyards...?". I immediately replied saying yes. I was in Lisbon. Lucrezia De Domizio - dear friend who had introduced me to Marco Bagnoli in the 1990s - was in Bolognano. She was doing a movie on Bagnoli's Vineyard.
Immediately, in coincidence, Lucrezia invited me to compose a concerto for the movie.
Since I started working on music, I always followed the principle of independence of the arts, as proposed by the brilliant playwright Antonin Artaud. John Cage and Merce Cunningham have also done the same throughout their lifes. Such as a plant is a plant, a concert is a concert, and a movie is a movie. One should never illustrate the other. When a work illustrates the other, it becomes a degenerated sign.
Each work must be independent, and when put together, different works generate something different - another work, a total one.
Thus, VIGNA was composed in the beginning of 2015. The sound - and, more particularly, the order of the sounds - is entirely determined by the movement of the trees, the wind and also by the cables present in the vineyard. It is the alive environment, the magical universe of Nature.
I installed ultra-sensitive contact microphones in the vineyard - in six different positions - capturing the sounds of the plants. The sounds generated not only the sounds of music, but also the information that determined their order. A large music score was created inside Virtual Reality. But this time, the score was not exactly an operation in four dimensions, as I have done so many times, but it is a kind of definition of principles for an open work.
The music VIGNA is the combinatorial work in the dynamic articulation of six groups of information. For the movie, I made a special combination, a particular combinatorial design.
Besides the concert, one of the points of information capturing in the vineyard has generated the music score of a long transverse flute solo, with more than an hour in duration. This solo has been incorporated in the concert. Interestingly, the information of the movement - the plants, the air - captured in the trees surprisingly created two very precise groups in high-resolution, two strong gestalts! I repeated those groups several times - 12 times the first one and 21 times the second gestalt - and I distributed them according to a chance operation. Thus, the long flute solo is characterized by two movements. 24 and 21, both forming the number 3.
VIGNA is a contemplative piece, almost mystical. It is necessary to know a little of Marco Bagnoli's spirit to understand the reasons for such an approach. It is a composition in which time is, again, a key factor.
It is a music of Nature, revealing our always amazement in face to the Universe.

 

Emanuel Dimas de Melo Pimenta

 

Nelle primi giorni di gennaio 2015 ho inviato una email a Marco Bagnoli. Non sapevo dove fosse sul pianeta. Come sempre, Marco ha risposto rapidamente: era nel deserto della antica Persia!
Suo messaggio "dal giallo deserto persiano" portava una misteriosa fotografia di una vigna. Sotto la foto c'era una frase: "Vigna persiana che riposa su di se'. Piantata come la nostra a Bolognano. Va benissimo, ma componi tu una musica per vigne...?". Ho risposto subito dicendo di sì. Ero a Lisbona. Lucrezia De Domizio - cara amica che me a presentato a Marco Bagnoli nelle anni 1990 - era a Bolognano. Ella stava facendo il film La Vigna di Bagnoli.
Immediatamente, in coincidenza, Lucrezia mi invitò a comporre un concerto per il film.
Da quando ho iniziato a lavorare con la musica, ho sempre seguito il principio di indipendenza delle arti, come è stato proposto dal geniale drammaturgo Antonin Artaud. John Cage e Merce Cunningham hanno anche fatto lo stesso, durante tutta vita. Tale come una pianta è una pianta, anche un concerto è un concerto, e un film è un film. Uno non dovrebbe mai illustrare l'altro. Quando una opera illustra altra, diventa un segno degenerato.
Ogni opere deve essere indipendente, e quando sommate, differente opere genereranno qualcosa di diverso - un'altra opera, totale.
Così, VIGNA fu composta all'inizio del 2015. Gli suoni - e, più in particolare, il loro ordine - sono interamente determinati dal movimento delle alberi, del vento e anche dei cavi presenti nella vigna. È quello ambiente vivo, quello magico universo della Natura.
Ho installato ultra sensibili microfoni di contatto nella vigna - in sei diverse posizioni - che hanno catturato i suoni delle piante. Questi suoni hanno generato non solo i suoni della musica, ma anche 'informazione che a determinato il loro ordine. Una grande partitura è stata creata in realtà virtuale. Ma, questa partitura non è stata esattamente una operazione in quattro dimensioni, come ho già fatto tante volte, pero si una specie di definizione di principi per una opera aperta.
La musica VIGNA è il lavoro combinatorio nell'articolazione dinamica di sei gruppi di informazioni. Per il film, ho fatto una combinazione speciale, un disegno combinatorio particolare.
Accanto il concerto, uno dei quelle punti di captazione di informazione nella vigna ha generato la partitura di un lungo solo di flauto traverso, con più di un'ora di durata. Questo solo è stato incorporato nel concerto. È interessante notare che gli informazioni delle movimenti - delle piante, dell'aria - catturati nelle alberi hanno creato, sorprendentemente, due gruppi molto precise e di alta risoluzione, due forti gestalt! Ho replicato quelli gruppi diverse volte - 12 volte il primo e 21 volte il secondo gruppo - e le ho distribuito secondo una strategia casuale. Così, il lungo solo di flauto è caratterizzato da due movimenti. 12 e 21 formano il numero 3.
VIGNA è un pezzo contemplativo, quasi mistico. È necessario conoscere un po 'lo spirito di Marco Bagnoli per comprendere le ragioni di un tale approccio. È una composizione in cui il tempo è, nuovamente, un fattore fondamentale.
È una musica della Natura, rivelando nostro sempre incantamento in fronte al Universo.

 

 

Italia. 2015

 

                                                                                                                                                 sopra: partitura della composizione / above: music score of the composition

 

 

 

 

 

 

 

emanuel dimas de melo pimenta

free international forum . June 26 - July 1 . 2015